Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021

106

La prostituta del paese irrompe nella casa di Simone il fariseo creando un gigantesco imbarazzo. Simone vuole dimostrare di non avere pregiudizi verso quel Nazareno guardato con sospetto e sufficienza da tutti i farisei e ha preparato un pranzo suntuoso, lasciando la porta di casa aperta finchè tutti notassero la generosità del padrone di casa.

Ma quell’irruzione ha letteralmente rovinato la festa. Piange, la donna, mentre tutti, intorno, non sanno cosa fare. Simone, irrigidito, pensa di essersi sbagliato: se davvero Gesù fosse un profeta non si farebbe toccare da una donna del genere per non contrarre l’impurità rituale. E Gesù, come sempre, vuole salvarli entrambi.

Accoglie il pianto disperato della donna accettando il suo amore anche se manifestato con un atteggiamento ambiguo, sciogliersi i capelli, e chiede a Simone di giudicare… Simone. Così è Dio: si schiera sempre dalla parte della salvezza. Anche con noi. Anche con me.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021