Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Marzo 2020 – Lc 4, 24-30

7

Non ha timori reverenziali, il Signore, dice le cose come stanno, anche se scomode, anche se rischia di lasciarci la pelle. La Nazareth che l’ha visto crescere lo tratta con sufficienza, con distanza: tutti si ricordano di Jeshua, il figlio di Giuseppe, quando usciva dalla bottega del padre con i trucioli odorosi nei capelli.

Che gli salta in mente, ora, di giocare a fare il profeta e il Rabbì? Gesù accusa il colpo e commenta: nessun profeta è bene accetto in patria. E cita due episodi della Bibbia, che dimostra di conoscere a fondo: Naaman il Siro e la vedova di Sarepta, due stranieri che, pure, hanno riconosciuto in Eliseo e in Elia due profeti.

È urtata, la gente di Nazareth, che ingratitudine! Attenti a noi, discepoli del Maestro, che pensiamo di avere le carte in regola, che abbiamo l’anima asfaltata incapaci di saperci stupire, disabituati a riconoscere la profezia se detta da qualcuno di casa o dal parroco arcigno. Attenti a prendercela troppo se proprio in casa o in parrocchia non ci viene riconosciuto un dono, un carisma, se chi ci conosce meglio ci tratta dall’alto in basso.

È successo a Gesù, può accadere anche a noi, ovviamente.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteMarcelo Bravo Pereira – Commento al Vangelo del 15 marzo 2020
Articolo successivoCoronavirus, su Tv2000 gli esercizi spirituali della Quaresima