Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2020

186

Non siamo di questo mondo, perciò non spaventiamoci se non ci sentiamo esattamente a nostro agio in questo mondo. Se avete l’impressione di essere come degli alieni quando le vostre amiche provano tanto piacere a sparlare degli altri e voi, invece, vi sentiate a disagio.

O se evitate di fare un apprezzamento pesante alla vostra collega come, invece, fanno tutti i maschi del vostro ufficio. O se proprio non ce la fate a sostenere i discorsi pieni di nulla del dopo-cena. Succede, se avete incontrato il Maestro, se l’Assoluto vi ha anche solo sfiorato, se avete osato credere nel volto nuovo dell’uomo che il vangelo proclama.

Ed è anche normale, dice il Signore, che il mondo non apprezzi i cristiani (veri e seri), anche se non vanno in giro a rompere le scatole e non fanno i predicatori fuori luogo: prima di noi il mondo ha odiato il Maestro, perché la luce segna sempre l’ombra, la delimita, la evidenzia.

Inutili illudersi: vivere in armonia col vangelo crea sempre qualche discrepanza attorno a noi, qualche malumore, qualche contraddizione che emerge. Ma il Signore ci ha scelti dal mondo, ci ha tratti dalla tenebra alla sua ammirabile luce, ci sostiene, non abbiamo paura.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO