Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Luglio 2019 – Mt 11, 20-24

97

Il pericolo esiste, non scherziamo. Quello di sentirci a posto, di non avere nulla da cambiare, di restare arroccati nelle nostre posizioni. Anche perché, siamo onesti, non stiamo proprio vivendo in un mondo di monachelle!

E conservare la fede è già un grande risultato! E rispetto ai tanti intorno a noi che abbandonano la fede, che vivono in maniera dissoluta, che sono arroganti e violenti, che rubano e bestemmiano, non siamo poi così male! Insomma, tutto sommato ciò che facciamo è già molto!

Sì, è vero, ci mancherebbe, ma quello che Gesù ci chiede è non sederci sugli allori, non credere di essere arrivati, non fare come le citate città di Corazin e Betsaida, fiere della propria devozione e delle proprie convinzioni, adagiate sulle proprie certezze. La fede non è mai una certezza, non è mai acquisita una volta per sempre.

Solo se sappiamo farla rifiorire, germogliare, fecondare le nostre scelte, rimane viva. Altrimenti le nostre chiese diventano musei e le nostre comunità (belle e buone) aggregazioni sociali. Prendiamo sul serio l’invito di Gesù a non lasciare assopire le nostre esperienze spirituali!

Fonte

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne e la terra di Sòdoma saranno trattate meno duramente di voi.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11, 20-24
In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite: «Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sòdoma sarà trattata meno duramente di te!».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.