Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021

128

I farisei e i dottori della Legge gliel’hanno giurata a morte. La folla fa ressa per ascoltare questo rabbino alternativo, libero ma non rabbioso, autentico e compassionevole, che conosce Dio come nessun altro e lo dona e lo racconta.

Non cerca discepoli, non va a stanarli, non lucida il suo ego. E incoraggia i presenti a prendere in mano la propria vita interiore, a non delegarla, a non farsi caricare di pesi insopportabili impossibili da portare. A non temere la reazione violenta degli oppositori, a non avere paura della persecuzione.

Mentre leggono queste parole i discepoli di Luca non possono che pensare alla crescente opposizione alla loro fede che, dopo avere toccato i fratelli giudei, ora sta percuotendo l’Asia minore. E Gesù incoraggia i presenti, osteggiati dai farisei, i futuri discepoli, perseguitati, e noi, ad avere fiducia. Dio sa, Dio mi conosce, Dio mi ama.

Il Dio che non si dimentica dei passeri, che mi conosce più di quanto io stesso possa conoscermi, sa.


Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 15 Ottobre 2021
Articolo successivodon Andrea Chiesa – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021