Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2021

77

Passa il Nazareno. Passa nelle nostre vite, passa nella nostra quotidianità, ci raggiunge attraverso mille piccoli rivoli di luce come sa fare chi ama intensamente. E lo possiamo intercettare anche se ciechi, anche se mendicanti, anche se seduti ai margini della vita.

Possiamo interrogare chi ci sta accanto, chi lo proclama Maestro e Signore. E gridare con tutto il fiato che abbiamo in corpo, chiedere pietà, chiedere salvezza, chiedere vita. Passa, il Signore e con umiltà nella preghiera del cuore invochiamo il suo nome e la sua attenzione.

E si ferma, il Maestro, non tira diritto, non fa l’indifferente, e ci restituisce la luce, ci restituisce la dignità e la vita, ci permette di diventare discepoli, infine. Siamo ciechi, e mendicanti, e ai margini ma non siamo soli, non siamo abbandonati, non siamo persi. C’è un Dio che si ferma e si occupa di noi. Sì, possiamo lodare e glorificare Dio.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2021
Articolo successivodon Antonino Sgrò – Commento al Vangelo di domenica 14 Novembre 2021