Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2020

213

Non so voi, ma io fatico ad amare gli altri, specialmente le persone noiose ed antipatiche, e anche quelle che, a vario titolo, mi hanno profondamente ferito. Faccio proprio fatica, istintivamente vorrei buttarle giù da un ponte, cristiano o no.

E Gesù lo sa. Sa che il nostro amore è istintivo. Sa che ci innamoriamo delle persone che ci fanno i complimenti, sa che esprimiamo amore per i nostri figli soprattutto se si comportano bene!

Perciò Gesù non ci chiede di amarci di amore spontaneo e simpatico, ma di amarci come lui ci ha amato. L’amore, diventa grande quando supera l’emozione, quando costa, quando diventa sacrificio, cioè rende sacro ciò che ama. Gesù ci ha amato mentre era appeso in croce.

Ci ha amato quando i suoi discepoli, tutti, lo hanno abbandonato. Ci ha amato senza condizioni, sperando che il suo amore convertisse i nostri cuori. Allora, guardando a Cristo, attingendo al suo amore, mi scopro capace di amare anche il mio nemico, di perdonare chi mi uccide sperando che si converta.

No, la Chiesa non è il club di quelli che si trovano bene leggendo il vangelo. Un amore teologico ci unisce, un amore divino.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO