Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 15 Febbraio 2020

723

Per due volte Marco racconta lo stesso miracolo della moltiplicazione dei pani e non è una svista. I due miracoli avvengono prima e dopo la missione dei discepoli fuori dal territorio di Israele. E quella di oggi avviene ancora in territorio pagano.

Ieri, ricordate?, eravamo ancora in pieno territorio delle decapoli con la guarigione del sordomuto. La ragione del raddoppio, quindi, è proprio questa: Marco, e Pietro dietro di lui, afferma che la logica della condivisione, perché è quella il vero miracolo, convincere la gente a dividere il pane!, riguarda tutti, giudei e pagani.

Marco scrive probabilmente per la comunità di Roma, composta da giudei e pagani convertiti al vangelo. L’invito alla condivisione, mettendo in gioco tutto quel poco che siamo, è ormai universale, rivolto ad ogni uomo, ad ogni donna, non solo agli ebrei e nemmeno solo più rivolto ai cristiani. Mettiamo in gioco tutto ciò che abbiamo, tutto ciò che siamo, perché possiamo sfamare le tante persone che oggi incontreremo.

È Dio che moltiplica le nostre forze, i nostri doni, ma siamo noi a distribuirli in questa nostra giornata.

Fonte


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Mangiarono a sazietà.
Dal Vangelo secondo Marco  Mc 8, 1-10 In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano».  Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò. Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.   Parola del Signore