Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2022

153

- Pubblicità -

Quel siate perfetti come il Padre raccolto da Matteo aveva probabilmente creato qualche problema di troppo nelle comunità, dove, probabilmente, qualche fenomeno aveva interpretato quelle parole come un invito a sentirsi migliori, diversi, illuminati.

Così Luca ricorda a loro, e a noi, in cosa consiste la perfezione del Padre: nella misericordia, nel donarsi, nell’amare senza misura. La misericordia: crasi fra due parole, la miseria e il cuore. Dio guarda alla nostra miseria con un cuore grondante benevolenza.

- Pubblicità -

Ha a che fare la compassione, la misericordia, perché guarda alla fatica, al limite, con passione, coinvolgimento, empatia, senza giudizio, senza condanna.

Ecco, quindi, quello che intende dirci Gesù: imitiamo Dio, oggi, nel suo vedere le miserie e le fatiche nostre e degli altri con un cuore compassionevole, che accoglie, che agisce, che ama e, amando, cambia il cuore di chi incontreremo. E il nostro.


Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2022
Articolo successivoGli auguri della Presidenza CEI a Papa Francesco per i suoi 9 anni di pontificato