Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022

72

- Pubblicità -

Quando leggo pagine come queste prima mi irrito e vorrei strapparle, vorrei costruirmi un Vangelo più soft, potabile, leggero… Poi rileggo e scoppio a ridere. Ma quanto mi prendi per il naso Signore! Quanto hai ragione?

Quanto demolisci le mie ansie di santità! Gesù ha chiesto una serie di atteggiamenti onesti, paradossali, che applichino nella concretezza il sogno delle beatitudini. Benissimo. Solo che, leggendole, spuntano come fiori i nostri sensi di colpa e il nostro senso di inadeguatezza. No, non siamo in grado di andare così in alto e così a fondo. Alla fine il Maestro sorride (me lo vedo) e ripete una banalità: ma se, alla fine, noi amiamo quelli che ci amano e perdoniamo quelli che ci perdonano e imprestiamo il soldi a quelli che certamente ce li restituiranno cosa facciamo di così spettacolare?

Cosa ci distingue dalla brava gente infarcita di buon senso? Pregare per i nemici (cominciamo a pregare per gli antipatici…), augurare loro conversione e pace, osare, credere che l’amore cambia tutto è davvero destabilizzante! E Gesù lo ha fatto…


 
Articolo precedentedon Tommaso Mazzucchi: Commento al Vangelo di domenica 19 Giugno 2022 per bambini
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022