Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 13 Ottobre 2021

71

Nell’immaginario collettivo pensiamo a Gesù come al compassionevole, al misericordioso attento alle sofferenze delle persone, all’uomo mite e sorridente. Ed è vero, Gesù affascina per la sua capacità di entrare in empatia con i sofferenti.

Ma, anche, è capace di essere diretto, assertivo, di smascherare le immense ipocrisie degli uomini di fede. Non si ferma davanti a niente e non lo fa per stizza o per malo carattere, ma per passione e amore nei confronti del Padre e nei confronti di chi gli sta davanti.

Non sempre chi ti da uno schiaffo ti vuole male e chi ti accarezza ti vuole bene! Gesù ci spinge all’angolo, ci obbliga a confrontarci col vero volto di Dio, stana i pensieri reconditi, soprattutto quelli fintamente religiosi o inutilmente devoti. Fino a che giochiamo sulla difensiva, facciamo gli offesi quando la Parola smaschera le nostre numerose ipocrisie, non potremo assaporare l’immensa bellezza della libertà che Dio ci dona.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteCommento al Vengelo del 13 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini
Articolo successivoCommento al Vangelo del 13 Ottobre 2021 – Don Francesco Cristofaro