Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2020 – Mt 21, 33-43. 45

5

Il vangelo oggi racconta di una vigna data in gestione a dei vignaioli assassini.
È la tragica storia di Dio e dell’umanità, di una incomprensione che fatica a risolversi, di un dolore, il dolore di Dio, che spiazza e interroga.

Immagine dell’umanità che non riconosce il proprio Creatore, il proprio limite, questa tragica parabola è la sintesi della storia fra Dio e Israele, fra Dio e l’umanità.

L’uomo non riconosce il suo Creatore, si sostituisce a lui: ecco il peccato di fondo, la tragica fragilità dell’uomo, credere di essere autosufficiente, senza dover rendere conto, misconoscere il proprio limite.

Ancora oggi accade così, in questi deliranti tempi in cui, invece di riconoscere la propria origine e la propria dignità, l’umanità pensa a come fregare colui a cui appartiene, nega l’evidenza della propria creaturalità, si perde nel delirio di onnipotenza di chi crede di poter manipolare l’origine della vita, il cosmo, la natura. 

Mi commuove questo Dio onnipotente fermato dal nostro rifiuto, come un amante scosso, un genitore ferito, un amico che si scopre improvvisamente tradito. Questo Dio sconsiderato rischia la vita del figlio, pensando, così facendo, di suscitare rispetto nell’uomo, se non giustizia. E invece no, anche questo gesto è stravolto, incompreso.

Che fare? Gesù non sa più cosa dire, aspetta una risposta dagli affittavoli che, ingenuamente, nell’ottusità del loro cuore, non capiscono che proprio di loro che si sta parlando.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO