Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 12 Marzo 2022

112

- Pubblicità -

Se amiamo quelli che ci amano, se salutiamo chi ci saluta, se prestiamo soldi a chi certamente ce li restituirà, cosa facciamo di straordinario?

Me lo vedo, il Signore, mentre sorride con gli occhi prendendoci per il naso e demolendo le nostre faticose conquiste spirituali. Ha ragione: ci prendiamo troppo sul serio, pensiamo di avere fatto passi da gigante nella vita interiore e di conoscenza dei misteri divini, salvo poi ridurre la fede a una sorta di buon senso innocuo e tiepido. Gesù alza il tiro, provoca, sfida: perché non imitare Dio?

- Pubblicità -

Perché non prendere esempio da Lui che fa povere anche sui malvagi, che non divide il mondo in buoni e cattivi? Perché non osare di più? Non si tratta di compere uno sforzo eroico ma di lasciare che la vita divina in noi lentamente contagi la nostra vita, il nostro sguardo, le nostre scelte.


Articolo precedentePadre Giuseppe Caramazza – Commento al Vangelo del 12 Marzo 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 12 Marzo 2022