Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021 – Gv 16, 12-15

113

Pesa la vita, ce ne accorgiamo e ce ne lamentiamo. Ma pesa anche la verità che passa attraverso la conoscenza. Pesa talmente tanto da farci venir voglia di vivere nella leggerezza.

Non la leggerezza che è la gioia di scoprirci amati, ma la leggerezza di chi non vuole guardare in faccia la realtà. Conoscere Cristo significa entrare in un cammino di crescita e di conversione che dura tutta la vita, di conoscenza di sé, del mondo, di Dio, che scuote le nostre (piccole) certezze.

Accogliendo la Parola, imparando a pregare, costruendo una piccola vita comunitaria, celebrando i sacramenti, la nostra fede cresce, giorno dopo giorno e la verità si fa più chiara. E Gesù, tenero, afferma che pesa la verità, che chiede cuori liberi, innamorati. Che questo peso è troppo per noi, ecco perché ci dona lo Spirito Santo, il portatore-di-pesi.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021