Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020

40

La pace che ci dona il Signore non ha nulla a che vedere con la pace che porta il mondo. La pace di cui parla il mondo, spesso, è la pace dei cimiteri, la pace che i più forti impongono ai perdenti, la pace del compromesso politico.

E il mondo occidentale ci propone un modello di pace e di realizzazione che esalta la ricchezza, il successo, l’apparenza. Siamo continuamente bombardati da messaggi ambigui: se siamo inquieti è perché non siamo sufficientemente belli, o giovani, o ricchi, o famosi. E la cosa tragica è che molte persone, troppe, pensano che sia vero!

E passano la vita a sperare di riuscire, di sfondare, di diventare la velina di turno, di essere notati per sopravvivere all’oblio della mediocrità. No, non è pace, quella che promette il mondo. È inganno, solo inganno. La pace che dona Cristo è la consapevolezza di quanto siamo amati, di quanto valiamo agli occhi di Dio, del ruolo che ognuno riveste nella salvezza del mondo.

La pace che porta Cristo è l’esperienza del nostro valore, che è misurato dall’amore che siamo capaci di donare, misurato con i nostri limiti. La pace consiste nello scoprirsi parte di un gigantesco progetto che Dio ci chiede di condividere.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020
Articolo successivoMichele Tambellini – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020