Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 12 Luglio 2019 – Mt 10, 16-23

94

Per essere pastori dobbiamo seguire il Pastore. Ed il pastore è stato sbranato dai lupi, ha dato la sua vita affinché le pecore potessero vivere. È normale, allora, che il Signore ci chieda di imitarlo, di essere pronti, di non cedere mai, in alcun modo, alla violenza. Né a quella fisica, né a quella verbale e intellettuale. E quante volte, purtroppo, nella Chiesa abbiamo trasgredito a quest’ordine!

Abbiamo pensato, in cuor nostro: è da ingenui comportarsi così, forse è meglio fare i lupacchiotti fino a quando i lupi non diventeranno agnelli… Quanto è triste vedere una Chiesa annacquata e insignificante, timorosa del pensiero unico, assoggettata alla dittatura del relativismo! Ma quanto è sconcertante vedere dei cristiani che, in nome del vangelo, assumono toni forti, arroganti, giudicanti, aggressivi!

Ciò che chiede il Signore è difficile, ma possibile: vivere nell’equilibrio di una fede che sia saldamente ancorata sulla Parola e che, nello stesso tempo, sappia confrontarsi e dialogare col mondo con dignità e fermezza, senza mordicchiare, senza polemizzare, con un linguaggio diretto e schietto, ma sempre rispettoso…

Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo».

Fonte

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10, 16-23

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell’ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato.
Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un’altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d’Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.