Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2021 – Gv 15, 26-16,4

127

Viene il Paraclito, lo Spirito della verità. Dono del Padre attraverso Cristo, primo dono del Signore dalla croce. Lo Spirito che ci conduce alla conoscenza della verità tutta intera perché il cammino di fede, quando lo capiremo!, è un percorso che dura tutta la vita. Di grazia in grazia, di gloria in gloria, di luce in luce.

Verità su chi è veramente Dio, così diverso dalle nostre paure, dalle nostre proiezioni. Verità su chi siamo noi, sempre alla ricerca di conferme, fragili, insicuri o arroganti e presuntuosi. Verità che ci aiuta a capire che siamo esseri-in-divenire, capolavori in fase di realizzazione.

E che, necessariamente, la scoperta della verità porta ad abbandonare convinzioni, idee, atteggiamenti perché ormai superati o inutili. Verità nello scoprirci amati a prescindere, posseduti dal Padre, e, perciò, capaci anche di resistere alle persecuzioni.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 10 Maggio 2021