Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2019 – Gv 6, 52-59

13

Il discorso che fa Gesù è insostenibile: la folla, in fondo, cercava solo qualche rassicurazione, sperava di avere trovato una soluzione al quotidiano problema del cibo, sarebbe stata disposta anche a far incoronare Gesù re d’Israele (chi di noi non voterebbe un governo che ci regala il cibo e la casa?).

E invece no, Gesù si è infilato in una feroce disputa sul senso della vita, sull’unico pane che vale la pena di mangiare, altro che. La folla è stordita, non capisce più; per accedere al Padre che vuole la salvezza per i suoi figli bisogna credere in Gesù. E sia.

E questo, così dice il Nazareno, ci apre ad una nuova dimensione di vita eterna che inizia sin da ora. E sia. E per dimorare in Dio occorre nutrirsi del cibo che è la presenza stessa di Gesù.

No, qui non ci si capisce più. Cosa chiede il Signore, di diventare tutti dei cannibali? Di nutrirsi della sua carne e del suo sangue? La folla ora tentenna e se ne va. Anche fra i suoi discepoli, conclude amaramente Giovanni, molti se ne vanno perché quelle parole sono incomprensibili.

E Gesù li lascia andare, non mitiga il suo discorso. Vogliamo andarcene anche noi solo perché Gesù dice delle cose troppo dure?

Fonte

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

La mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6, 52-59

In quel tempo, i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.