Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 10 Agosto 2021 – Gv 12, 24-26

159

Dopo Edith, Lorenzo, diacono e martire della Chiesa di Roma. Come se la liturgia volesse portarci con i piedi per terra, alzando lo sguardo forse un po’ rallentato dalle ferie e dal solleone, per ricordarci, come dice Gesù, che il chicco, per portare frutto, deve in qualche modo morire.

Due santi così lontani nel tempo ma uniti dalla stessa bruciante passione per Cristo. Così Lorenzo, amministratore della cassa della comunità di Roma, venne travolto dalla persecuzione dell’Imperatore Valeriano (nel 258), la stessa che uccise papa Sisto II.

Portato davanti al prefetto Daciano che voleva impossessarsi dei vagheggiati tesori della Chiesa, la leggenda del martirio narra che il giovane Lorenzo tornò con alcuni mendicanti dicendo al prefetto: “Sono questi i tesori della Chiesa”. E così è, davvero, sul serio.

Lorenzo ricordi a chi ha responsabilità, nella Chiesa e nel mondo, a non tradire mai questa verità evangelica per cui il martire diede la vita.


Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 10 Agosto 2021
Articolo successivodon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 10 Agosto 2021