Padre Antonio Salinaro – Commento al Vangelo del 29 Settembre 2020

278

La vita è fatta di movimenti, di incontri, di scontri, di stasi… ma sono gli incontri che la trasformano! Nella vita, alcune persone che abbiamo incontrato ci hanno regalato una parte di loro; oppure ci hanno mostrato una parte di noi; oppure ci hanno dato forza in momenti in cui pensavamo di non farcela; oppure hanno lenito le nostre ferite del cuore con messaggi di speranza e di vicinanza; oppure ci hanno dedicato del tempo per farci vedere le cose in modo diverso ampliando i nostri schemi.

Oggi nella festa degli arcangeli mi piace pensare che, nella mia vita ognuno di loro si è presentato: quando ho vissuto l’abbandono e la solitudine, c’è stato qualcuno che mi ha aiutato a guardare il deserto intorno a me come un’occasione per ritrovare me stesso e Dio e mi ha sollecitato ad avere fiducia (chi è come Dio = arcangelo Michele).

Quando sentivo di affogare nelle maglie della depressione e della paura: un’intuizione accompagnata da una parola detta con tenerezza mi ha comunicato la forza per dire sì alla vita e per affrontarla con passione (forza di Dio = arcangelo Gabriele). Quando sentivo che il peccato, le relazioni vissute e le povertà del cuore mi avrebbero chiuso per sempre all’amore: uomini e donne attenti hanno versato olio e vino sulle mie ferite guarendole e facendomi guardare alla vita come a un desiderio da realizzare e un orizzonte da raggiungere (Dio guarisce=Raffaele)… gli arcangeli salgono e scendono nella nostra vita, non sono abitanti del cielo ma pellegrini e compagni sulla terra!
Vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo.


Via Facebook