Pablo Erdozáin – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022

223

- Pubblicità -

Nella festa della Conversione di san Paolo, l’apostolo delle genti, la Chiesa ci invita a considerare nuovamente il mandato missionario che il Signore ha consegnato ai suoi discepoli prima di ascendere al cielo.

Predicare il Vangelo significa, prima di tutto, annunciare la buona notizia della Salvezza per tutti gli uomini. È interessante rendersi conto che il Signore utilizza due verbi all’imperativo – “andate” e “predicate” -, mostrando agli apostoli che non è possibile considerarsi seguaci di Gesù senza trasmettere agli altri con la propria vita, con l’esempio e con le parole ciò che hanno ricevuto.

San Josemaría diceva che l’apostolato cristiano è «un traboccare della tua vita “al di dentro”» [1], una necessità vitale che emerge spontaneamente nelle persone che sono consapevoli del dono ricevuto con la fede e con la chiamata a vivere «per Cristo, con Cristo, in Cristo», come ricordano le parole finali delle preghiere eucaristiche della Santa Messa.

Solo essendo consapevoli di tutto quello che abbiamo ricevuto da Dio, si puà capire bene il senso degli imperativi di Gesù riguardo la missione apostolica rivolta a tutti i cristiani.

Pablo Erdozáin
[1] Cammino, n. 961.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022
Articolo successivodon Gianfranco Calabrese – Commento al Vangelo del 30 Gennaio 2022