Pablo Erdozáin – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2021

33

In questo brano, Gesù ci parla delle nostre paure. « Non abbiate paura» di proclamare il Vangelo. Ci chiama a non essere cristiani nel buio, ma in piena luce. Oggigiorno, c’è il pericolo di ridurre la fede all’ambito privato, a pensare di praticare la fede per proprio conto, svincolata dalle mie relazioni con gli altri. La società moderna ci fa pressione a non diffondere il Vangelo, a mantenerlo nel nostro foro interno.

Corriamo il pericolo di convertirci in cristiani a porte chiuse, per i quali la vita cristiana non è vista riflessa nella nostra vita sociale e professionale. Gesù, di contro, ci mostra una via molto diversa: «Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce». Ci chiama ad essre suoi testimoni nel mondo, a portare il suo messaggio in tutti i posti della terra, a dare la luce agli uomini, a portare Cristo in mezzo a tutte le circostanze ordinarie di ogni giorno, a tutte le persone che ci stanno intorno.

Oltre alle nostre paure, c’è quella delle persone che pretendono di ridurre all’angolo i cristiani. «Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima». I padroni della nostra anima siamo noi stessi, noi governiamo la nostra vita, il nostro specifico cammino. Dobbiamo temere soltanto quelli che vogliono farci cadere in peccato.

Gesù ci dà la chiave per superare le nostre paure: la forza di essere figli di Dio. Non solo valiamo per il fatto di essere a immagine e somiglianza di Dio, ma per il fatto che Egli ci ha voluto Suoi figli. Ed essendo figli, siamo amati in modo assoluto da Dio. Amati non per quello che facciamo e neppure per come lo facciamo, ma per quello che siamo: figli amatissimi di Dio.

Questa confidenza con nostro Padre Dio ci rende capaci di portare nella preghiera tutte le nostre realtà: le nostre fatiche, le nostre sofferenze, il nostro impegno quotidiano per essere cristiani. Tutte le nostre attività ordinarie sono importanti per Dio «Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati».

Con questa familiarità di un figlio con il proprio Padre, le paure spariscono. Questa certezza di essre amati ci porta ad essere capaci di dare testimonianza di Gesù nel mondo.

Pablo Erdozáin


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2021