p. Lorenzo Montecalvo – Commento al Vangelo del giorno – 4 Dicembre 2019

275

Molta folla segue Gesù, ma sono tutti infermi sia fisicamente che mentalmente. È gente semplice e umile al seguito di Gesù. I ricchi non seguono Gesù, perché si sentono forti grazie al loro danaro gelosamente custodito in banca. Gli intellettuali non seguono Gesù perché si sentono forti grazie alla loro cultura. I politici non seguono Gesù perché si sentono forti con il potere che il popolo ha dato loro. I famosi non seguono Gesù perché sono sazi degli applausi delle folle. I ricchi, gli intellettuali, i politici e i famosi non hanno bisogno di Dio; essi disprezzano persino coloro che seguono Gesù. Secondo loro, coloro seguono Gesù sono deboli.

I potenti e i ricchi di questo mondo forse si ricordano di Dio solo quando non possono risolvere i loro problemi con quello che sono nella società e hanno nella loro banca. Ma Dio, grande nella sua misericordia, li accoglie alla sua divina presenza.

Quando andavo in giro a predicare, chi veniva ad ascoltarmi non erano i ricchi e i potenti di questo mondo, ma gente semplice, desiderosa di ascoltare una parola semplice e comprensibile. Ora il Signore mi ha inchiodato in una comunità parrocchiale costituita da gente semplice e umile. Al contrario di quello che vedevo a Posillipo, qui ora non vedo volti truccati, gente vestita con eleganza, ville lussuosse e macchine costosissime, ma gente dal volto stanco, preoccupato, gente vestita in maniera dismessa e senza pretese, desiderando cose superiori alle proprie forze.

Che il Signore mi dia un cuore divinamente compassionevole e misericordioso verso gli umili e gli infermi. Amen. Alleluia.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DEL GIORNO

Gesù guarisce molti malati e moltiplica i pani.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 15, 29-37   In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.   Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?». Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.   Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene. Parola del Signore