p. Lorenzo Montecalvo – Commento al Vangelo del giorno – 29 Aprile 2020

311

Diceva Santa Caterina da Siena al suo direttore spirituale: “Padre, se tu vedessi la bellezza di un’anima in grazia di Dio, tu daresti la tua vita per un peccatore”. Solo i mistici hanno il dono di vedere l’interiorità di una persona. La parola “grazia” significa bellezza. Dio è bellezza. E, come diceva un autore russo, la bellezza salverà il mondo. Noi cristiani siamo chiamati a manifestare la bellezza del volto di Gesù, il più bello tra i figli di Adamo.

Ogni vizio abbrutisce il volto dell’uomo, ma il vizio che rende e realmente brutto il volto dell’uomo è quello della lussuria. Non ti nascondo che il volto del lussurioso è lurido ed è sempre pronto a sporcare il volto dell’innocente. Il lussurioso non sopporta la grazia del bambino. Il pedofilo è colui che, non sopportando, la luce che emana il bambino, la vuole spegnere.

Santa Caterina era la ventiquattresima figlia. Se i suoi genitori avessero rinunciato ad avere questa figlia il mondo non avrebbe avuto una grande mistica. Santa Caterina da Siena visse in un periodo molto turbolento della storia della Chiesa. Ebbe il coraggio di rimproverare fortemente, ma sempre con carità il clero che dava cattivo esempio. Fu una donna con il dono della sapienza divina. Nonostante che non fosse scolasticamente brillante, per aver rivelato la scienza dei misteri del regno di Dio è stata proclamata “Dottore della Chiesa”.

Dio si rivela agli umili.

Amen. Alleluia.

Fonte


AUTORE: p. Lorenzo Montecalvo
FONTE: https://www.lodeate.it/il-granellino-mt-1125-30-6/
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER