p. Lorenzo Montecalvo – Commento al Vangelo del giorno – 24 Settembre 2019

460

Di solito il sacerdote inizia l’omelia dicendo: “Fratelli e sorelle”. Mi chiedo: Questo “fratelli e sorelle” viene detto con il cuore o solo con le labbra? Voglio sperare con il cuore.
Molti anni fa andai a confessarmi da un monaco camaldolese che dimorava nell’eremo situato su una collina di Napoli, eremo che oggi viene custodito da una comunità di suore Brigidine. Bene, dopo aver ricevuto l’assoluzione, chiesi al monaco dal volto splendente di vita soprannaturale di pregare per me. E lui mi disse che pregava per me ogni giorno.

Stupito, gli dissi: “Padre, com’è possibile che preghi per me ogni giorno se solo oggi ci siamo visti per la prima volta?”. Ed egli mi rispose senza indugio: “Fratello, quando prego il Pater Noster ci sei anche tu nella mia preghiera”. Quel giorno capii più profondamente la provenienza della vera fratellanza cristiana che consiste nel credere, adorare, servire e amare lo stesso Dio Padre e Creatore.

I comunisti (figli di Marx), accogliendo e mettendo in pratica il MANIFESTO, si sono impegnati a creare uno spirito di fratellanza nell’umanità. Ma la storia ci dice che la dottrina di Marx (e come tutte le dottrine totalitarie) ha fatto scorrere molto sangue dove è stata applicata. I comunisti cambiarono la parola “fratello” in “compagno”. È inutile dire che Marx ha fallito nel suo intento di creare fratellanza e uguaglianza tra i popoli e dal luogo dove si trova ha capito che senza Dio non si può creare una umanità impregnata di vera fratellanza e uguaglianza.

Grazie all’obbedienza amorosa alla parola di Gesù, la Chiesa primitiva viveva con un cuore e un’anima sola.

Oggi, purtroppo, anche la Chiesa non dà più i segni dell’unità e dell’amore.
Fratelli e sorelle, non amiamoci solo a parole. Preghiamo con il cuore il Pater Noster. Anche chi non condivide la nostra fede è nostro fratello. Amen. Alleluia.

P. Lorenzo Montecalvo  (Fonte)

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 8, 19-21


In quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.
Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti».
Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

Parola del Signore