p. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2021

11

La presenza di Gesù in mezzo alla gente, non lascia indifferenti, crea scompiglio, crea divisione. C’è chi parteggia per lui e chi contro di lui.

Di primo acchito sembra che chi ascolta veramente quello che lui dice rimane meravigliato della sua parola e lo ritiene un grande: un profeta o il Cristo!

C’è anche chi lo ascolta ma mette a confronto quello che sa di Gesù con la sua conoscenza di dove vengono i profeti e il Messia, e preferisce tenersi le proprie convinzioni andando contro quanto ascolta.

C’è chi non lo ascolta neppure ma è preoccupato della gestione del potere politico e religioso e sente che quest’uomo gli porterà dei problemi, per questo afferma: è meglio che muoia uno solo piuttosto che tutta una nazione.

Una curiosità: spesso nel vangelo di Giovanni chi è contro Gesù è colui che lo confessa come il Cristo o il Profeta. Anche nel Vangelo di oggi coloro che affermano  che il Cristo viene dalla stirpe di Davide e da Betlemme, ribadiscono che non può essere, perché il messia verrà da Betlemme e lui viene dalla Galilea!

“Mai un uomo ha parlato come parla quest’uomo”, dicono le guardie tornando a mani vuote dai sommi sacerdoti e dai farisei.

Gesù parla e divide: c’è chi rimane stupito, chi aderisce a lui, chi lo rifiuta, chi lo combatte, chi non si sbilancia. Gran parte della gente lo ascolta con stupore e rimane incantata davanti a come lui parla.

Alcuni invece rimangono della loro idea e prendono ogni conoscenza per confutare quanto il Signore fa e dice. Lo hanno già condannato e per lui non c’è scampo, perché il loro scopo è quello di mantenere il potere. Lo hanno giudicato ancor prima di sentirlo: si muoveranno solo per cercare delle conferme all’idea che si sono fatti o, peggio ancora, per riuscire a realizzare il loro scopo che è quello di incastrarlo.

Siamo duri a morire. Per quanto ascoltiamo Gesù difficilmente riusciamo ad aprire il nostro cuore ad una vera accoglienza. Abbiamo capito che una accoglienza vera non ti lascia indifferente, non ti lascia come prima, ti chiede di stravolgere i tuoi parametri di vita e il tuo buon senso.

Ma oggi è possibile vivere in modo diverso? Noi diciamo di no! Cristo ci dice di sì, se siamo disposti a perdere le nostre sicurezze e i nostri paletti entro i quali noi giochiamo la nostra vita.

Solo coloro che sanno andare al di là di un semplice ascolto superficiale, possono riconoscere il Cristo per quello che è. Se questo non avviene, non avverrà neppure la liberazione dai pregiudizi (che non sempre sono cose negative) che accompagnano la nostra vita. I pregiudizi sono modalità di vivere e di pensare che noi usiamo tutti i giorni. Sono giudizi fatti prima, che ci permettono di vivere già sapendo la realtà. Ma quando questi giudizi diventano chiusi a nuove informazioni, diventano dei pregiudizi che ci bloccano. Questi non ci permettono di lasciarci veramente toccare da Gesù.

Noi possiamo reagire o con una difesa ad oltranza dei nostri interessi oppure con disponibilità. Difesa ad oltranza dei propri interessi, significa organizzare tutto per salvaguardarli e non lasciarci toccare da informazioni che vanno contro gli stessi.

Disponibilità significa desiderio di comprendere, di cercare la verità sempre e comunque, volendo seguire questa verità come il bene sommo della nostra vita. Nello scoprire e nel seguire la verità, che non è mai chiusa e assoluta, noi possiamo vivere una vita più vera. Forse più povera, con meno sicurezze, ma senz’altro più vera!

Ci sono parole che fanno più male di uno schiaffo e parole che segnano per sempre, con una forza distruttiva che ha in sé qualcosa di irrimediabile. Ci sono parole che uccidono, parole che condannano, parole che non avrebbero mai dovuto essere pronunciate. Ma ci sono parole d’amore che trasformano una vita, parole di fiducia che rialzano dalla disperazione. Ci sono richiami definitivi che decidono di un’esistenza e determinano il cammino di una persona.

Il potere aveva già condannato Gesù ancora prima di ascoltarlo: preghiamo oggi ricordandoci di tutti coloro che sono oppressi, sono condannati ingiustamente, sono vittime della giustizia umana che, per quanto giusta, è sempre ingiusta. Viviamo una giornata di solidarietà con tutte queste persone, e sono tante, che non hanno più diritto ad una vita libera e dignitosa perché perseguitate dal potere politico, giudiziario, medico e religioso!


AUTORE: p. Giovanni Nicoli FONTE SITO WEB CANALE YOUTUBE FACEBOOKINSTAGRAM