p. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021

30

Come si fa a non pensare che vi sia una risurrezione, almeno quella, quando vediamo un sacco di ingiustizie. Una risurrezione che faccia un po’ di giustizia. Una risurrezione che mandi il ricco agli inferi e il povero Lazzaro nel seno di Abramo. La risurrezione è l’ultima giustizia per l’uomo che vive continuamente l’ingiustizia.

Senza risurrezione il ricco continua a godere finché può, e il povero continua a soffrire fino a non poterne più. La morte è un’ingiustizia per il ricco che vorrebbe vivere in eterno, la morte è una giustizia per il povero che almeno, dice, finisce di soffrire.

Ma non è questa la risurrezione. La risurrezione c’è ma non ha nulla a che vedere con quello che noi pensiamo. Innanzitutto non avviene come la pensiamo noi. Noi pensiamo alla risurrezione come ad una sorta di spossesso e di possesso: di chi sarà la donna se vi è la risurrezione?

La prima risurrezione è dunque una liberazione dal possesso, anche di se stessi. La prima risurrezione, che è cosa di oggi e non di domani, è libertà da ogni buon senso e da ogni ricerca di sicurezza umana.

La risurrezione, poi, è celebrazione di vita. Tutto non finisce in un po’ di cenere che fa un po’ meno ribrezzo dei vermi sulle nostre carni morte.

La risurrezione è celebrazione di vita donata e accolta.

Il centro della risurrezione, è il caso di dirlo, non siamo noi ma Dio datore di vita che continua a donare se stesso, dono della sua vita per noi.

La risurrezione scaturisce dalla morte della quale preferiamo non parlarne. Non si muore più in casa, non se ne sa più se uno muore oppure no. Preferiamo ambienti asettici e ben messi. Preferiamo ambienti accoglienti anche se estranei. Preferiamo nascondere la morte. Ne consegue che siamo costretti a nascondere la risurrezione.

C’è più scalpore per un animale morto, che ancora sta in casa, e tante volte più partecipazione che per un umano. Un animale riceve attenzione e necessità di averne uno che cambi il morto. Un umano rimane a decomporsi nel suo appartamento: di lui ci si accorge che c’è qualcosa che non va’ perchè manda odore sulle scale del condominio. Allora sì che se ne parla, perché allora e solo allora fa notizia.

Dio si dichiara per noi e quello che è in gioco nella risurrezione: è Lui prima che noi. È in gioco la sua fedeltà, non le nostre intuizioni e le nostre convinzioni, le nostre attese o i nostri terrori.

È in gioco la fedeltà di Dio; è in gioco il suo nome. Se la morte ha il sopravvento allora Lui non è più Dio. Gesù ci dice che Lui è Dio, il Dio dei viventi, non dei morti.

La porta stretta della morte è passaggio di liberazione verso la vita, è grazia che ci spossessa da ogni possesso. È via che ci porta nella vita piena di Dio dove tutto è condivisione e non più accumulo.

Tutto viene lasciato lungo la via, tutto il lasciare è completato nella morte e benedetto nella risurrezione: oggi, non domani.

È vero che i nodi ad un certo punto vengono al pettine: ogni possesso nella morte per la vita sarà escluso.


AUTORE: p. Giovanni Nicoli FONTE SITO WEB CANALE YOUTUBE FACEBOOKINSTAGRAM

Articolo precedentedon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 2 Giugno 2021