p. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2019

170

Davanti al dono di amore di Dio scaturisce la sorgente della chiamata a seguirlo. Non siamo chiamati a seguire la Legge che stanca e opprime, siamo chiamati a seguire Lui che ci ama con mitezza e umiltà, non con un potere onnipotente che travolge le nostre esistenze.

Il passaggio è chiaro da un giogo della Legge alla gioia del giogo dell’amore. Il giogo della Legge ci impone una modalità d’essere che è accusatoria. È un’illusione pensare di potere osservare la Legge. I più grandi trasgressori sono coloro che maggiormente invocano la Legge e la condanna di chi la Legge non osserva.

La Legge è un dovere il cui effetto è il peccato e la morte, ci dice Paolo. Il giogo di Gesù è un giogo di amore. Questo giogo ci dice che non è cosa mia da fare, è invece cosa nostra da vivere.

Il giogo vede almeno una coppia di buoi che tirano il carro o l’aratro. Sotto questo giogo dell’amore il primo che se lo carica è Gesù. Noi siamo chiamati ad andare a Lui, a prenderci il suo giogo su di noi, portando il peso del carro insieme a Lui. Lui è davanti a noi e noi siamo tirati da Lui abbandonando il giogo della Legge e scegliendo il giogo dell’amore. Questo giogo è innanzitutto cosa ricevuta, amore donato e accolto, libertà di relazione col Figlio che ci invita alla danza di gioia dell’amore nella dinamica del Padre e dello Spirito Santo.

Se in questa danza di amore del Padre il Figlio ci chiama, lo Spirito è la benzina che muove le nostre gambe e il nostro cuore a vivere la vita e a non trascinarla più.

Non più sotto l’obbligo della Legge che dice che se fai una cosa e sbagli perdi la vita e guadagni un castigo e una condanna. Sapendo che noi comunque sbagliamo, è una condizione della nostra umanità, non illudiamoci, quella della Legge suona comunque come una condanna. Passare dal giogo della Legge al giogo dell’amore, alla gioia dell’amore, è passaggio fondamentale per le nostre esistenze. Non più condanna perché comunque vada tu sbagli, ma amore che ti fa vivere la pienezza della vita. È la libertà di accogliere il giogo dell’amore portandolo con Gesù: non siamo soli e non lasciamo solo Lui. È passare dalla religione dei comandamenti, che tanto piace al cristianesimo religioso, alla fede cristiana.

Venite è chiamata a tutti noi che abbiamo cercato e abbiamo sofferto questa ricerca. È chiamata a noi che siamo ancora convinti che la Legge serva a risolvere i problemi mentre invece è solo cosa di potere dei potenti contro i poveri e gli indifesi, proprio il contrario di quello che ci diciamo dovrebbe essere la Legge uguale per tutti. Essere fedeli a questa Legge è cosa inutile, stancante, logorante e disumanizzante, è solo una questione di potere.

Il giogo dell’amore che congiunge Padre e Figlio e noi con Lui, è il giogo della croce, sotto il quale c’è già il Cristo, che è però scelta libera di amore e di dono gratuito. Non è cosa che debbo fare, è cosa bella che desidero essere. Non perché altrimenti chissà cosa succede, ma semplicemente perché è cosa che sento viva e vitale, vera e viandante. Questa è via per uscire dalla morte ed entrare nella vita vera.

Impariamo da Lui questa logica umanizzante di vita accogliendo due suoi doni: quello della mitezza e quello dell’umiltà. Due virtù aberranti e aborrite dalla nostra cultura e dal nostro pensiero.

La mitezza è per noi la qualità del perdente. Mitezza, nella sua origine greca, è la qualità dell’imperatore che è clemente e non fa pesare la sua autorità. Dio è mite, la sua autorità non pesa perché è puro servizio. Quanto bisogno avremmo di questo dono per noi e per la nostra società!

Il secondo dono è quello dell’umiltà. Umiltà, in greco, significa tapino! Anche l’umiltà non è virtù apprezzata. Per il Padre incarnata in Gesù è una qualità fondamentale dell’amore. L’umile non ha bisogno di sentirsi o di dimostrarsi superiore all’altro. L’umile stima l’altro e lo stima superiore a sé. L’umile dona la vita per l’altro come la cosa più bella che potrebbe fare e che potrebbe essere.

Senza umiltà non c’è amore, c’è solo prepotenza e voglia di imporre all’altro cosa fare e di imporsi all’altro in tutti gli ambiti della vita. Così la relazione di coppia diventa un dovere e uno scontro anziché un incontro: io ho ragione e tu hai torto è l’unica via che ci rimane da percorrere. Ma nella coppia quando uno ha ragione e l’altro ha torto chi ci perde è la coppia, quindi l’amore di entrambe. Risultato: è una coppia scoppiata. Senza umiltà c’è solo prepotenza. La sapienza del Padre che è umile e mite, è la sapienza dell’amore.

Imparare questo da Lui significa non avere fretta ma, allo stesso tempo, mettersi per via. È l’esperienza del cammino che non chiede l’arrivo ma il ritornare a gustare la bellezza del passo dopo passo. Accogliamo il suo dono di mite e umile di cuore, che è vero amore.

Commento a cura di p. Giovanni Nicoli.

Fonte – Scuola Apostolica Sacro Cuore

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Io sono mite e umile di cuore.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11, 28-30

In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.