p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2020

32

Sono gli ultimi momenti che Gesù sta con i suoi discepoli e Gesù li vuole tranquillizzare. LO FA con un paradosso: la sua morte non sarà una perdita per loro, ma un guadagno; non sarà un’assenza, ma una presenza ancora più intensa.

MA PERCHÉ I DISCEPOLI SONO TURBATI??? Non credo per quello che stava per accadere a Gesù ma perché li aveva appena smascherati…annunciando un doppio tradimento, di Pietro e di Giuda. In fondo, anche se solo all’inizio, questo vangelo ci ricorda che nessuno potrà mai affidarsi a se stesso o alle sue pregherie, la Fede è una scelta quotidiana, un sì che si ripete ogni giorno.

Cosa dice Gesù? “«Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me “«Nella casa del Padre vi sono molte dimore»”. Qui bisogna comprendere bene queste parole alla luce del versetto 23 quando Gesù dirà: “«Se uno mi ama osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e faremo dimora presso di lui»”. Non si tratta qui di una dimora presso il Padre, non è più la «Bet-heloìm» o(greco: òikos Theoû) , ossia il TEMPIO.

Ma Dio, il Papà, viene a dimorare tra di noi!. Questa è la grande novità proposta da Gesù: non c’è più un santuario dove si manifesta Dio, ma in ogni persona che lo accoglie, lì Dio si manifesta.

p. Arturo MCCJ

Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano ?? ???????????, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2020
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2020