p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2020

51

Matteo in un unico versetto riesce a descrive un sacco di cose. Le malattie non erano solo deficienze corporali:ma anche una manifestazione di un male assai più profondo e vasto che minava la salute della gente, e cioè l’abbandono totale e lo stato deprimente ed inumano in cui era obbligata a vivere.

Dinanzi alla guarigione dell’indemoniato muto, la reazione della gente è di ammirazione e di gratitudine, ma la reazione dei farisei è terribile. Il fatto che ci sia una persona in più che possa prendere la parola ed esprimere il proprio punto di vista, fino a difenderlo con tutte le sue forze e la sua intelligenza, desta quasi sgomento.

Gesù ridona non solo la salute ma la libertà di esistere, un compito che chiede anche noi quando ricorda che la messe è molta e tutti noi siamo chiamati ad essere sui operai.

P. Arturo MCCJ


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano ?? ???????????, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2020
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2020