p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 3 Luglio 2020

28

Quelli che avevano abbandonato tutto per seguire Gesù hanno finito per abbandonare Gesù e fuggire tutti. Perché? A causa della paura! Tra di loro spicca Tommaso.

“Otto giorni dopo”, otto è il numero della risurrezione, la cifra che indica la vita indistruttibile, cioè quando la comunità celebra l’eucaristia, questo perché Giovanni ci ricorda che Gesù non concede apparizioni personali o private, ma è nell’eucaristia che lui si manifesta. Tommaso ci rivela la grande espressione di fede: Mio Signore e mio Dio!!! la più alta e la più esplicita confessione di fede in tutti i vangeli.

Ed è a causa sua che Gesù nel vangelo di Giovanni proclama la sua seconda beatitudine: Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto! Tommaso ci ricorda che la fede non  è  adesione  a  una  notizia  credibile per  l’autorità  di  chi  ce  la trasmette – oggi potrebbero essere i mass media di ogni genere – ma è un rischio personale.

P. Arturo MCCJ


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano ?? ???????????, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 3 Luglio 2020
Articolo successivoPiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 3 Luglio 2020