p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 28 Luglio 2020

23

Il vangelo di oggi ci presenta la spiegazione di Gesù a richiesta dei discepoli, della parabola del grano e della zizzania. Alcuni studiosi pensano che questa spiegazione, che Gesù dà ai discepoli, non sia di Gesù, ma della comunità. Così come la pianta è già dentro il seme, così certamente, la spiegazione della comunità è nella parabola.

In tanti gruppi cristiani o anche comunità il rischio che spesso si corre è quello di sentirsi migliori, più giusti degli altri e quindi di eliminare da subito coloro che non si inquadrano o hanno pensieri diversi.

Questa attitudine era presente anche nelle prime comunità cristiane e Matteo sembra voler correggere questa tendenza purificatrice perché spetta a Dio rivelare e riconoscere i giusti dai malvagi e soprattutto perché Dio lavora sempre per trasformare il male in bene e spera sempre nella conversione di chi, per un motivo o un altro, ha scelto la via errata.


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano ?? ???????????, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 28 Luglio 2020
Articolo successivoServizio della Parola – Breve commento alle letture del 2 Agosto 2020