p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2020

146

Gesù fa ritorno a Cafarnao e mentre vi fa ritorno avviene l’incontro con il paralitico. È la prima volta che l’evangelista in modo esplicito ascrive a Gesù questo particolare potere divino.

Per i Giudei l’infermità di un uomo era considerata un castigo per eventuali peccati commessi; ma ecco che la parola autorevole ed efficace di Gesù risveglia l’umanità paralizzata (9,5-7) e le fa dono di camminare (9,6).

Cosa non si fa per un fratello in bisogno? Per alcuni dei presenti, però Gesù è un arrogante perché solo Dio può perdonare. Difronte al male, alla malattia, alla limitatezza Gesù non ha dubbi: Se si può fare qualcosa lo si deve fare!!! Ma questa attitudine non va giù a molte persone che in vece di gioire per la vita di chi ci sta vicino, cerca motivi per creare dissenso e odio.

Come sempre sono i fatti e non le parole che faranno la differenza, ci ricorda il vangelo di oggi.

P. Arturo MCCJ


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano 🇮🇹 🏴󠁧󠁢󠁥󠁮󠁧󠁿🇵🇪🇧🇷, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno