p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 16 Luglio 2020

151

Nel racconto della passione secondo Giovanni, Gesù ha in mano il controllo della propria vita e di tutto ciò che si sta svolgendo attorno.

Anche il testo presentato dalla liturgia odierna mostra che Gesù non soltanto ha controllo su tutto ciò che si sta verificando ma anche su quello che sta succedendo nei dintorni. Solo il quarto evangelista racconta che la madre di Gesù stava presso la croce.

Sia nelle nozze di Cana che sotto la croce, Gesù non chiama sua madre con il proprio nome, ma le dà il titolo bellissimo di “Donna” (Gv 2,19.26). Sulla croce Gesù sta parlando a una comunità intera che ha sempre aspettato un messia come Gesù e che fino alla fine gli rimane fedele, di cui Giovanni usa l’immagine nella persona della Madre di Gesù (che non chiama mai per nome).

Da questa comunità che il Signore ci invita a imparare la fedeltà e la speranza nella presenza e nell’intervento di Dio nella storia, anche quando tutto sembra assurdo e doloroso


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano 🇮🇹 🏴󠁧󠁢󠁥󠁮󠁧󠁿🇵🇪🇧🇷, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno