p. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2020

35

Gesù introduce questa parte del suo discorso con due metafore: pecore in mezzo ai lupi; prudenti come i serpenti, semplici come le colombe. La prima ci mostra il contesto difficile e pericoloso nel quale i discepoli sono inviati.

Per coloro che idealizzano la missione come una esperienza TOP, la prima cosa che Gesù ci rivela è il fatto che l’annuncio del Regno ci mette a contatto con gli aspetti più istintivi e selvaggi dell’animo umano.

L’espressione «vi consegneranno» non allude solo all’accusa in tribunale, ma possiede pure un valore teologico: il discepolo che è alla sequela di Gesù potrà sperimentare la stessa esperienza del Maestro di «essere consegnato nelle mani degli uomini».

Non riguarderà solo la società ma anche i propri affetti. Insomma, essere missionari ci porta e rivoluzionare la nostra visione del mondo e questo perché ci spinge a diventare più autentici.


Fonte: Telegram

Il canale Telegram “Vedi, Ascolta, VIVI il Vangelo”.

Un luogo dove ascoltare ed approfondire la Parola con l’apporto di P. Arturo, missionario comboniano ?? ???????????, teologo biblista. Se vuoi comunicarti con loro, scrivici a paturodavar @ gmail.com BUON CAMMINO!!!

https://t.me/parolaviva

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2020
Articolo successivodon Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 10 Luglio 2020