Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 9 Agosto 2019

60

Un’esortazione tra le più preziose,
una cautela che vale un patrimonio
che potrebbe assicurare una eternità felice.
Con una parabola indirizzata ai suoi discepoli
Gesù raggiunge gli uomini e le donne di ogni tempo,
con un invito che, per quanto possa essere assai semplice
– infatti, si tratta di fare spazio alla prudenza
(che non ha fatto mai male a nessuno) –
ha il potere di raggiungere e mettere in allerta
chiunque voglia fare un sapiente uso
della propria intelligenza.
Sarebbe davvero stolto – e di una stoltezza incomprensibile,
perché irragionevole – chi, nonostante sappia
e quindi abbia le possibilità di provvedere per tempo
l’olio per farsi trovare in vigilante attesa –
preferisce far finta di niente e pretendere di averlo
elemosinandolo all’ultimo momento.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Ecco lo sposo! Andategli incontro!

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 25, 1-13
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono.
A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”.
Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”.
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».

Parola del Signore.

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 9 Agosto 2019
Articolo successivoFraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 11 Agosto 2019