Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 3 Giugno 2019 – Gv 16, 29-33

80

L’indicazione di Gesù riguarda il presente,
per cui non c’è da scherzare: le tribolazioni ci sono
e fanno parte della vita di chiunque.
Ma questa non è che una parte della realtà,
perché Gesù ci assicura che l’ultima parola
non è quella del fallimento, ma della gioia,
che viene dal ricevere come dono grande
la certezza di essere vincitori insieme a lui,
che – lo dice chiaramente –
non è mai solo perché il Padre è con lui;
con lui ha vinto la morte, il mondo ed il peccato
ed ora dà coraggio anche a noi
per affrontare le tribolazioni previste per chiunque
decide di seguirlo nella fedeltà e nell’amore.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 16, 29-33

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio». Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 3 Giugno 2019
Articolo successivodon Franco Scarmoncin – Commento al Vangelo di domenica 9 giugno 2019