Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2019

568

Una notte intera per preparare una scelta
che risulterà tra le più importanti della sua vita.
Una notte insonne, o meglio no: in preghiera,
per vagliare nella comunione con il Padre suo
i nomi di coloro che, da quel momento,
diventeranno i suoi collaboratori più vicini,
quelli che avrebbero avuto il compito di continuare
la sua stessa opera, a cominciare proprio da Simone
al quale, simbolicamente, aggiunse il nome Pietro.
Una notte intera per scegliere le colonne
sulle quali fonderà il nuovo popolo.
Li sceglie tra i discepoli che già hanno deciso
di seguire la sua parola e il suo esempio.
E loro, chiamati uno ad uno, si avventurano
senza neppure un attimo di esitazione.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Passò tutta la notte pregando e scelse dodici ai quali diede anche il nome di apostoli.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 6, 12-19


In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore