Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 27 Febbraio 2020

230

La domanda di Gesù è rivolta a tutti; ma non attende
che qualcuno gli offra la risposta, perché quello che dice
porta già la sua risposta.
Ai discepoli ha presentato quello che lo aspetta:
sofferenza, rifiuto e morte … ma anche risurrezione
e vita da donare in abbondanza.
Per tutti c’è ora la proposta, e le condizioni che attendono
chi decide di seguirlo: rinnegare se stesso,
prendere ciascuno la sua croce e seguirlo, ogni giorno.
Nient’affatto facile. E per qualcuno
che pensasse di potersi di incamminarsi a cuor leggero,
suggerisce di pensarci bene perché, per seguirlo,
bisogna essere disposti a perdere la vita,
benché proprio quella sia l’unica maniera per salvarla.
L’alternativa è netta e non concede scampo:
o si perde la vita per amore – e allora la si guadagna,
come è per lui – oppure ci si illude di conservarla
con atti di egoismo, che spingono a possedere
beni e sicurezze immaginabili, e allora la vita sarà persa.
La domanda arriva a questo punto e sta a ricordare
che neppure tutte le ricchezze della terra, accumulate,
basteranno a fare la felicità di un… egoista nato.
Perché il vero accumulo per chi decide di seguirlo e imitarlo
sarà ciò che verrà donato. Vita compresa.

Fonte


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 9, 22-25 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno». Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso?». Parola del Signore