Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2019

72

Quanto abbiamo bisogno di riposo!
Soprattutto nei momenti in cui le forze ci abbandonano,
quando restiamo soli con i nostri problemi,
con le delusioni, le sconfitte, i tradimenti,
e quant’altro – insieme al tempo – appesantisce la nostra vita,
e non ci permette di volgere lo sguardo verso l’alto,
e neppure verso l’altro, considerato anch’egli come un peso,
faticoso da portare – se non proprio insopportabile-
al pari della nostra stessa vita.
È in questa situazione che ci fa bene
Raccogliere e fare nostro l’invito di Gesù,
alla ricerca di quel ristoro di cui lui e gran maestro.
Il suo invito è rivolto a tutti, ma ha un indirizzo ben preciso.
Tutti coloro che sono stanchi ed oppressi
nel portare il peso della vita – qualunque ne sia la ragione -,
se lo cercano con fiducia,
trovano in lui un “tira-giogo” eccezionale che ha il potere
di alleggerire la nostra parte perché il più
lo porta lui.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Io sono mite e umile di cuore.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11, 28-30

In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.