Oasi Mariana Betania – Commento al Vangelo del 16 Luglio 2019 – Mt 11, 20-24

40

Il richiamo a Sodoma, a Tiro e a Sidone
suona come dura minaccia su Corazim, Betsaida e Cafarnao
che, pur avendo avuto, da parte di Gesù, molti segni e tante occasioni
non si sono convertiti. E proprio questo suo parlare
suona come ulteriore invito a un esame di coscienza
e a un segno che li porti a conversione.
Gesù lo spera e per questo
usa quest’ultima sua carta, avvertendoli
che, se non si convertiranno,
nel giorno di giudizio
saranno trattati ancor più duramente
di quelle città distrutte con il fuoco.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne e la terra di Sòdoma saranno trattate meno duramente di voi.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 11, 20-24
In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite: «Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sòdoma sarà trattata meno duramente di te!».

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.