Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2020

56

Il commento alle letture del 7 Maggio 2020 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

Chi accoglie colui che io manderò

GIOVEDÌ 7 MAGGIO (Gv 13,16-20)

È giusto chiedersi: quando chi accoglie colui che Gesù manderà accoglie Gesù e, in Gesù accolto, accoglie il Padre? La risposta ce la offre lo stesso Gesù, nel Cenacolo, dopo la sua gloriosa risurrezione: “La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati»” (Gv 20,19-23). Se il missionario vuole che, accogliendo la sua persona, si accolga Gesù e, in Gesù, si accolga il Padre, anche lui, come Gesù, deve mostrare che vi è piena comunione di obbedienza. Come Cristo è obbediente al Padre, così il discepolo è obbediente a Cristo. La verità dell’obbedienza è data dalla verità dell’amore.

Ecco la verità dell’amore di Gesù ed ecco anche il suo comandamento: “Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi. In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato». Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri»” (Cfr. Gv 13,1-35). È l’amore il segno della verità.

 [Dopo che ebbe lavato i piedi ai discepoli, Gesù] disse loro: «In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. Non parlo di tutti voi; io conosco quelli che ho scelto; ma deve compiersi la Scrittura: “Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno”. Ve lo dico fin d’ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io sono. In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato».

San Paolo questo amore chiede ai cristiani delle sue comunità: “Da parte nostra non diamo motivo di scandalo a nessuno, perché non venga criticato il nostro ministero; ma in ogni cosa ci presentiamo come ministri di Dio con molta fermezza: nelle tribolazioni, nelle necessità, nelle angosce, nelle percosse, nelle prigioni, nei tumulti, nelle fatiche, nelle veglie, nei digiuni; con purezza, con sapienza, con magnanimità, con benevolenza, con spirito di santità, con amore sincero, con parola di verità, con potenza di Dio; con le armi della giustizia a destra e a sinistra; nella gloria e nel disonore, nella cattiva e nella buona fama; come impostori, eppure siamo veritieri; come sconosciuti, eppure notissimi; come moribondi, e invece viviamo; come puniti, ma non uccisi; come afflitti, ma sempre lieti; come poveri, ma capaci di arricchire molti; come gente che non ha nulla e invece possediamo tutto!” (2Cor 6,3-10). Quando il missionario si presenta con questo amore, non può non essere da Cristo. Quando uno è dalla pienezza dell’amore di Cristo, è anche dalla pienezza della sua verità. Gesù è dalla perfezione dell’amore del Padre. Non può non essere dalla perfezione della divina verità. Chi accoglie Lui, accoglie il Padre che lo ha mandato. Così è del discepolo. È dalla perfezione dell’amore e della verità. Chi lo accoglie, accoglie Gesù.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fateci dall’amore di Gesù per essere dalla sua verità.

 

Fonte@MonsDiBruno

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 7 Maggio 2020
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2020