Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2022

66

- Pubblicità -

MERCOLEDÌ 30 MARZO – QUARTA SETTIMANA DI QUARESIMA [C]

Gesù riprese a parlare e disse loro: In verità, in verità io vi dico: il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo

Ecco la sapienza divina e soprannaturale, vera sapienza e intelligenza nello Spirito Santo. Prima crea le condizioni per poter parlare e subito dopo spiega le ragioni del fatto. Ecco la verità madre di ogni verità che sempre governa la Parola di Gesù: le ragioni del fatto non sono in Lui, sono nel Padre, sono in Dio. Se sono in Dio, poiché ogni pio adoratore dello stesso Dio anche lui è obbligato a trovare le ragioni del suo dire e del suo agire in Dio, non devono sorgere divergenze. Se sorgono divergenze allora il Dio che si dice di adorare e nel quale si fa professione di fede è un Dio diverso. Ecco allora la prima conclusione: il Dio di Cristo Gesù e il Dio dei farisei e degli scribi non è lo stesso Dio.

- Pubblicità -

Ma quale è il Dio vero e quale è il Dio non vero: quello di Gesù o quello degli scribi e dei farisei? Abbiamo noi una regola infallibile che ci consente di attestare che uno è il vero Dio e l’altro è un falso Dio, perché falsa è l’interpretazione della Parola che a lui viene attribuita? La risposta viene dalla storia ed è la vita di Gesù che attesta che il suo Dio è il vero Dio. Viene anche dalla storia che è la vita degli scribi e dei farisei che attesta che il loro Dio non è il vero Dio. Gesù adora il vero Dio. Scribi e farisei per Dio hanno un idolo. Ecco cosa dice la storia sugli scribi e sui farisei: “ Mentre stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo.

Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro. Ma guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».

Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l’altare e il santuario.

Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito”. Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca” (Lc 11,37-54). Quando si adora un idolo, la vita diviene immorale. La vita immorale attesta che il Dio che si adora non è il vero Dio. Gesù invece ha una vita santissima e santissimo è il suo Dio.

- Pubblicità -

LEGGIAMO IL TESTO DI Gv 5,17-30

Sono le opere che attestano che Gesù è dal Padre. Se è dal Padre anche ogni sua Parola è dal Padre. Se è dal Padre essa è purissima verità. La sua Parola va accolta come purissima Parola di Dio. La verità delle opere dice la verità della Parola. Madre di Dio, facci santi nelle opere.

Articolo precedenteMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 30 Marzo 2022
Articolo successivoBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 30 Marzo 2022