Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 22 Gennaio 2022

198

- Pubblicità -

SABATO 22 GENNAIO – SECONDA SETTIMANA DEL T.O. [C]

Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

Per non credere nella Parola e nella Persona di Gesù, mandato dal Padre per rivelarci la sua volontà eterna sull’uomo, oggi Gesù viene dichiarato “pazzo”, “fuori di sé”. Questa accusa sempre accompagnerà i discepoli di Gesù assieme all’altra di essere o un indemoniato o di operare nel nome del principe dei demòni. Ecco come queste infamanti accuse venivano rivolte a Cristo Signore: “In quel tempo fu portato a Gesù un indemoniato, cieco e muto, ed egli lo guarì, sicché il muto parlava e vedeva. Tutta la folla era sbalordita e diceva: «Che non sia costui il figlio di Davide?». Ma i farisei, udendo questo, dissero: «Costui non scaccia i demòni se non per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni». Egli però, conosciuti i loro pensieri, disse loro: «Ogni regno diviso in se stesso cade in rovina e nessuna città o famiglia divisa in se stessa potrà restare in piedi.

- Pubblicità -

Ora, se Satana scaccia Satana, è diviso in se stesso; come dunque il suo regno potrà restare in piedi? E se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Ma, se io scaccio i demòni per mezzo dello Spirito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. Come può uno entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega? Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.  Perciò io vi dico: qualunque peccato e bestemmia verrà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non verrà perdonata. A chi parlerà contro il Figlio dell’uomo, sarà perdonato; ma a chi parlerà contro lo Spirito Santo, non sarà perdonato, né in questo mondo né in quello futuro (Mt 12,22-32).

Ecco l’altra accusa, quella che lo dichiarava indemoniato: “Gli risposero i Giudei: «Non abbiamo forse ragione di dire che tu sei un Samaritano e un indemoniato?”. Rispose Gesù: «Io non sono indemoniato: io onoro il Padre mio, ma voi non onorate me. Io non cerco la mia gloria; vi è chi la cerca, e giudica. In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?». Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla.

Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: “È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia». Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono». Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio (Gv 8,48-59). Oggi Gesù viene detto “fuori di sé” dai suoi stessi parenti, dai suoi familiari.

LEGGIAMO IL TESTO DI Mc 3,20-21

- Pubblicità -

Se hanno trattato così Gesù i suoi famigliari, con accuse ancora più gravi lo tratteranno i suoi avversari. Queste accuse non sono solo per Gesù, sono anche per coloro che vogliano compiere la sua missione e portare nei cuori il Vangelo della Salvezza. Anche Paolo fu accusato di pazzia da Festo dopo che lui aveva raccontato la sua vocazione al Re Agrippa. Ecco la conclusione del suo racconto: “Perciò, o re Agrippa, io non ho disobbedito alla visione celeste, ma, prima a quelli di Damasco, poi a quelli di Gerusalemme e in tutta la regione della Giudea e infine ai pagani, predicavo di pentirsi e di convertirsi a Dio, comportandosi in maniera degna della conversione. Per queste cose i Giudei, mentre ero nel tempio, mi presero e tentavano di uccidermi.

Ma, con l’aiuto di Dio, fino a questo giorno, sto qui a testimoniare agli umili e ai grandi, null’altro affermando se non quello che i Profeti e Mosè dichiararono che doveva accadere, che cioè il Cristo avrebbe dovuto soffrire e che, primo tra i risorti da morte, avrebbe annunciato la luce al popolo e alle genti». Mentre egli parlava così in sua difesa, Festo a gran voce disse: «Sei pazzo, Paolo; la troppa scienza ti ha dato al cervello!». E Paolo: «Non sono pazzo – disse – eccellentissimo Festo, ma sto dicendo parole vere e sagge.

Il re è al corrente di queste cose e davanti a lui parlo con franchezza. Penso infatti che niente di questo gli sia sconosciuto, perché non sono fatti accaduti in segreto. Credi, o re Agrippa, ai profeti? Io so che tu credi». E Agrippa rispose a Paolo: «Ancora un poco e mi convinci a farmi cristiano!». E Paolo replicò: «Per poco o per molto, io vorrei supplicare Dio che, non soltanto tu, ma tutti quelli che oggi mi ascoltano, diventino come sono anche io, eccetto queste catene!» (Cfr. At 26,1-29). Quando un missionario di Gesù è accusato o di pazzia, o di agire nel nome del principe de demòni o di essere lui stesso un diavolo, queste accuse servono a dichiarare noi liberi dall’ascolto. Se colui che ci parla è un diavolo, noi non lo possiamo ascoltare. Il diavolo non va ascoltato.

Così possiamo continuare nella nostra cattiveria e malvagità del cuore. La Madre di Dio ci aiuti ad accogliere la Parola di luce da qualsiasi cuore essa venga a noi. Ma per questo dobbiamo essere pieni di Spirito Santo.

Articolo precedenteMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 22 Gennaio 2022
Articolo successivoAlmanacco di sabato 22 Gennaio 2022