Mons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 19 Novembre 2019

3

Il commento alle letture del 19 Novembre 2019 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

È entrato in casa di un peccatore!

2 Mac 6,18-31; Sal 3; Lc 19,1-10

Il primo ad entrare nella casa dei peccatori è stato il Signore. L’uomo e la donna avevano appena peccato e il Signore Dio subito è venuto per una parola di speranza.

Poi udirono il rumore dei passi del Signore Dio che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno, e l’uomo, con sua moglie, si nascose dalla presenza del Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino. Ma il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?». Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto». Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?». Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato» (Gen 3,8-13).

Anche Caino pecca. Il Signore scende, visita questo peccatore e lo ammaestra perché non pecchi più. Ritorna dopo che lui aveva ucciso Abele, per rassicurarlo che nessuno, incontrandolo, lo avrebbe ucciso. Passano gli anni, ma il Signore sempre scende nella casa dei peccatori per tirarli fuori dal male nel quale sempre si immergono a causa della natura malata. Il peccato ha deturpato la natura ed essa tende al male.

Trascorso del tempo, Caino presentò frutti del suolo come offerta al Signore, mentre Abele presentò a sua volta primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore gradì Abele e la sua offerta, ma non gradì Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto. Il Signore disse allora a Caino: «Perché sei irritato e perché è abbattuto il tuo volto? Se agisci bene, non dovresti forse tenerlo alto? Ma se non agisci bene, il peccato è accovacciato alla tua porta; verso di te è il suo istinto, e tu lo dominerai». Caino parlò al fratello Abele. Mentre erano in campagna, Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise. Allora il Signore disse a Caino: «Dov’è Abele, tuo fratello?». Egli rispose: «Non lo so. Sono forse io il custode di mio fratello?». Riprese: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo! Ora sii maledetto, lontano dal suolo che ha aperto la bocca per ricevere il sangue di tuo fratello dalla tua mano. Quando lavorerai il suolo, esso non ti darà più i suoi prodotti: ramingo e fuggiasco sarai sulla terra». Disse Caino al Signore: «Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono. Ecco, tu mi scacci oggi da questo suolo e dovrò nascondermi lontano da te; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi ucciderà». Ma il Signore gli disse: «Ebbene, chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte!». Il Signore impose a Caino un segno, perché nessuno, incontrandolo, lo colpisse. Caino si allontanò dal Signore e abitò nella regione di Nod, a oriente di Eden (Gen 4,3-16).

Gesù vede Zaccheo seduto su un albero, che attendeva che Lui passasse. Lo chiama. Deve fermarsi a casa sua. È lo scandalo. Il santo entra nella casa del peccatore. Sono queste le storture della religione. Si adora un Dio che sempre visita i peccatori, ma ci si scandalizza se un inviato di Dio visita i peccatori per la loro salvezza e redenzione.

Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Con la sua pubblica confessione Zaccheo attesta ad ogni uomo che Lui è stato ieri peccatore, ma oggi non lo è più. Gesù conferma la purezza di queste dichiarazioni, aggiunge che in quella casa è entrata la salvezza, conclude dicendo che il Figlio dell’uomo è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto. Tra Gesù e il Padre suo nessuna differenza. Il Padre cerca i peccatori per salvarli. Gesù fa la stessa cosa.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che tra il cristiano e Cristo non vi siano differenze.

Fonte@MonsDiBruno