Monastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 29 Novembre 2019

3

Il tempo liturgico di avvento in cui la chiesa invita a sostare ricorda che la venuta gloriosa del Figlio dell’uomo è annunciata dal regno di Dio presente in mezzo a noi, “il regno di Dio è in voi” (Lc 17,21), e nelle situazioni quotidiane via via evocate, “cominciando queste cose a venire” (v. 28), che aprono alla liberazione, “beati voi perché vostro è il Regno” (Lc 6,20), vostro senza possesso.

Nel mezzo di difficoltà, rivolte, angosce, tradimenti, “alzatevi, guardate in alto” (v. 28), questo è l’invito a non perdere il coraggio perché il Regno, la presenza del Signore, sta lì nel mezzo. La venuta del Signore è nella croce, è nel tessuto concreto e lacerato della vicenda umana. Alla domanda: “Quando accadrà, che cosa sarà, come riconoscerla?”, Gesù replica con una parabola.

Le ferite che i germogli infliggono agli alberi appartengono al passato che sta alle spalle. In altri termini sono gli eventi della croce, la croce è la venuta del Figlio dell’uomo, egli è la nostra liberazione. Come il frutto è già nel germoglio, così il regno e la salvezza sono nelle contrarietà del presente. Diventa allora importante guardare l’albero della croce non come un albero secco, sterile, ma come luogo della salvezza per ogni credente, come lo è stato per il ladrone: “Oggi sarai con me in paradiso”. Guardare alle parole del Signore come il contadino guarda ogni singolo albero per vederne crescere i frutti, certi che le sue parole non finiranno mai di scuotere il credente.

Guardare in avanti, alzare il capo, questo è l’invito a non scoraggiarsi, per non soccombere al male, alle ferite, alle tribolazioni che la vita ci mette di fronte. Guardare in faccia la realtà, guardare a colui che ha sofferto per avere seminato l’amore, guardare a Cristo, alla sua croce come il frutto maturo da raccogliere che porta nuova vita. La croce è il legno in cui germina il frutto della storia. Il fico non è più sterile ma diventa fecondo e porta frutto sulla terra (cf. Sal 85,13). Le sue foglie invece di coprire le nudità servono a guarire tutte le nazioni (cf. Ap 22,2). 

L’albero della croce è la prossimità di Dio all’umanità, è la porta per entrare ed essere accolti nel suo Regno già ora e sempre. “L’amore appare sulla croce e unisce il cielo e la terra” (Innario della liturgia di Bose).

Cosa resta veramente della vita, della storia? Tutte queste cose passeranno, l’uomo vivrà tribolazioni, guerre, carestie, ma il seme di bene che sa coltivare e far crescere darà frutto di liberazione che lascerà il suo segno. Osservare e tenere alto lo sguardo senza temere il male ma testimoniare con la propria vita che la speranza è sempre vicina, è linfa vitale. La ferita inferta dalla croce apre alla resurrezione e alla salvezza per tutti come la ferita sull’albero inferta dal germoglio. Le nostre ferite accolte e accettate portano a vedere che c’è una possibilità generativa che si apre davanti. 

Da qui l’invito ad attendere con perseveranza.

“Ci viene incontro il Figlio dell’uomo / leviamo il capo con grande fiducia / egli ci asciuga le lacrime agli occhi / ormai siamo giunti alla fine dei tempi” (Innario della liturgia di Bose).

sorella Francesca

Fonte

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21, 29-33

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

Parola del Signore