Monastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 28 Gennaio 2020

454

Pochi versetti, quelli del vangelo odierno, e un messaggio chiaro. 

Io vorrei sottolineare solo due aspetti in un certo senso in tensione tra di loro: la rottura e la non-solitudine.

Marco 3,31-35 ha un parallelo in Luca 8,19-21 e in Matteo 12,46-50; in quest’ultimo caso il contesto è lo stesso. Anche altrove gli evangelisti registrano una presa di distanza di Gesù dalla sua famiglia e l’incomprensione del suo ambiente (Gv 7,5; Lc 11,27-28; Mt. 13,57; Mc 6,4; Lc 4,24; Gv 4,44). Il nostro passo si trova alla fine del cap. 3 di Marco, in cui è descritto il crescere dell’opposizione a Gesù. Siamo in Galilea, Gesù è di fronte all’uomo dalla mano paralizzata; dopo aver chiesto se fosse lecito o no salvare una vita, “guardandoli tutt’intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori” compie la guarigione (3,5). Il suo agire provoca la reazione dei farisei e degli erodiani che già ora ne decidono la condanna a morte: essi “tennero consiglio contro di lui per farlo morire” (3,6). Poco dopo, sul monte, “chiamò a sé quelli che voleva” e ne costituì Dodici perché stessero con lui e fossero associati alla sua missione (3,13-14). Anche qui, tra coloro che erano andati a lui è presente la possibilità dell’opposizione; di Giuda è detto: “il quale poi lo tradì” (3,19).

Subito dopo è riportato un episodio proprio a Marco: “i suoi uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: ‘È fuori di sé’” (3:21). Non è precisato chi siano “i suoi”: la costruzione grammaticale indica una relazione stretta. Assistiamo in ogni caso a un alternarsi di ostilità e incomprensioni provenienti sia da chi è vicino, sia da chi è lontano. Subito dopo gli scribi accusano Gesù di essere posseduto da uno spirito impuro e di agire per mezzo del capo dei demoni. Ed è qui che si inserisce la nostra pericope. Giungono la madre e i fratelli di Gesù (di cui altrove si ricordano anche i nomi: Mc 6,3) e, a differenza dei testi paralleli dove si dice che essi cercavano di parlargli o volevano vederlo, qui fanno un’azione che quasi allude alla scelta dei Dodici fatta da Gesù poco prima: essi mandano degli inviati per “chiamarlo” (verbo che Marco usa per la vocazione dei figli di Zebedeo e solo in due altri passi). Sembra quasi che vogliano riportarlo a una situazione precedente quel suo passare lungo il mare di Galilea e chiamare (1,14-20), quel suo convocare con urgenza i Dodici e farne degli inviati.

Gesù, che precedentemente aveva volto intorno il suo sguardo con indignazione verso coloro che volevano accusarlo, solleva ora gli occhi e guarda intorno. Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui scorge uomini e donne abitati dal desiderio di Dio e desiderosi di farne la volontà.

“Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all’assemblea” (Sal 22,23). “Ecco, io vengo. Nel rotolo del libro su di me è scritto di fare la tua volontà: mio Dio, questo io desidero … Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea … non ho celato il tuo amore e la tua fedeltà alla grande assemblea (Sal 40,8-11). In Mt 11,25 Gesù aveva reso lode al Padre per la rivelazione fatta ai piccoli; qui siamo di fronte a qualcosa di simile, quando Gesù discerne che attorno a lui il Padre ha attirato altri disposti a dire: ecco io vengo, per fare la tua volontà. La terminologia che troviamo qui è delicata: fare la volontà è un’espressione rara; in Marco il termine “volontà” compare solo qui. La parola ebraica da cui deriva ha i connotati del desiderio (Sal 145,19) e del compiacimento (Ger 9,23). È lo Spirito (“il tuo spirito buono”, Sal 142,10) che può guidare nel fare questa volontà. In Marco non troviamo una descrizione di cosa essa sia, solo ce ne è data una definizione negativa attraverso l’elenco delle cose che impediscono al seme di portare frutto: l’incostanza di fronte alle tribolazioni, l’essere presi dalle preoccupazioni del mondo e dalla seduzione delle ricchezze (Mc 4,17-19). Gesù vede che il suo annuncio e le sue azioni, seppur ripetutamente rigettati e ostacolati, sono stati accolti da alcuni e in essi porteranno frutto. Alcuni li hanno accolti con gioia e attestano che sono state inaugurate una fraternità e una fecondità nuova. Seguire Gesù e insieme a lui imparare a fare la volontà di Dio ci rivela la possibilità di essere fratelli lontano dall’omicidio e nella custodia reciproca. Gesù è il primogenito che non si vergogna di chiamarci fratelli, colui che “è in grado di venire in aiuto a quelli che subiscono la prova” (Eb 2,18), colui che Dio, lui che conduce molti figli alla gloria, ha reso perfetto (2,10).

sorella Raffaela

Fonte

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 3 ,31-35 In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre». Parola del Signore