Monastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 16 Settembre 2021

61

Protagonista è Gesù che accetta l’invito, accoglie i gesti, discerne i pensieri, insegna, perdona.
Gli altri soggetti prendono il nome dal loro comportamento: “fariseo” e “peccatrice”; ma Gesù non li riduce a questo: sono per lui Simone e, dignitosamente, “questa donna”.
Abitanti della medesima città, svelati ambedue debitori; poveri che non possono restituire; perdonati.
Tra le righe, ambedue amati.

Il loro comportamento verso Gesù li identifica ulteriormente come capaci di poco e molto amore.
Due posizioni distanti che Gesù collega tra di loro: quella “a testa alta” di Simone anfitrione e quella “bassa” (si noterà l’insistenza del testo sui piedi: nelle descrizione delle azioni della donna e nella ripresa che ne fanno poi le parole di Gesù), intrusiva, sconveniente e fuori luogo della donna.

Da parte della donna, fede e misericordia si incontrano nel suo stare ai piedi di Gesù, nella libertà dei gesti abituali del suo mestiere, di cui è esperta, gesti che lei si permette sapendosi accolta così com’è.
Gesù accetta in rispettoso silenzio “il meglio” che lei è in grado di fare.

Da parte di Simone, il vivere la posizione di chi accoglie, forse anche sopravvalutandosi, lo porta a sentirsi sicuro, fino a “sapere” la situazione della donna e quella di Gesù, che individua invece una serie di azioni possibili e non fatte (“tu non… lei invece…”). Prima ancora parla di una diversa entità di debiti, eppure del comune essere debitori, e rivela che il molto o il poco sono funzionali all’amore, non al perdono che è per tutti. La donna lo accoglie e lo mostra col suo comportamento e Gesù lo ratifica con una parola pubblica e non aggressiva (sembra voler parlare in privato a Simone e non si rivolge ai commensali perplessi, ma alla donna), che manifesta ciò che è già avvenuto nel rapporto Dio-Uomo.

Simone ha ragionato bene, ma non ha ancora preso posizione davanti all’insegnamento di Gesù che è per lui una proposta; il suo incontro con Gesù non è ancora giunto a pienezza, è ancora una vicenda aperta.
Per me che leggo è un’incertezza profetica, interpellante la mia vicenda ugualmente ancora aperta.
Il normale, il regolare, rischia di essere poco, messo a confronto con l’eccesso dell’amore, che a ciascuno è chiesto di vivere nella propria vita, dando il “suo meglio” nella sua situazione. Gesù non propone un modello preordinato con azioni valide per tutti, ma un “molto” possibile, anche a Simone nella sua situazione di anfitrione.

Amore come causa ed effetto del perdono: situazione in cui il prima e il dopo sono indistricabili; Luca ama sottolineare questo aspetto: lo fa narrando l’atteggiamento di Gesù con il centurione e subito dopo con la vedova di Nain. Risponde alla fede, ma anche previene nella misericordia (cf. Lc 7,1-17): cosa viene prima, cosa dopo? Anche nell’episodio di Zaccheo è volutamente impossibile dire quando la salvezza entra in casa: quando entra Gesù o quando Zaccheo cambia atteggiamento esistenziale donando e restituendo?

La fede-fiducia salva, dice Gesù, fidandosi anche lui della donna (e, forse, del correggersi di Simone): il suo “va’ in pace” contiene non il poco delle disposizioni e delle raccomandazioni, ma il molto del fidarsi dell’altro, dell’uomo, di me.

un fratello di Bose


Fonte

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui

Articolo precedenteVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 16 Settembre 2021