Monastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 14 Gennaio 2020

750

Tra un “subito” e l’altro si snoda il brano evangelico di oggi, ci raggiunge la buona notizia, urgente e inarrestabile, con tutta la sua potenza di vita. Gesù è un uomo libero e deciso, che esce ed entra, passa da un villaggio all’altro come il vento che ristora e rende il cielo più nitido, frequenta la gente comune e i suoi luoghi di raduno. E nel luogo abituale della preghiera, nella sinagoga di Cafarnao, in giorno di sabato, insegna con autorità. Non è un sinuoso ammantatore di parole, non è un torrenziale retore che parla senza un legame con la realtà e con la vita. Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, che si è messo in ascolto della voce di uno che grida nel deserto e della voce dal cielo (“Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento”: Mc 1, 11), e ora che “il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino” (Mc 1,15) insegna e annuncia l’irruzione di quel regno che appartiene ai poveri e che è giunta l’ora della conversione, di quel movimento trasformativo radicale e integrale, che ci porta a un nuovo modo di stare al mondo e a tessere rapporti di perdono, fraternità, servizio.

C’è un insegnare che appartiene agli esaltati tuttologi che amano esibire il loro vasto sapere di cui si sentono padroni, un insegnare che è proprio dei cattivi parassiti detentori di potere, che dicono e non fanno, aggiungendo pesi gravosi e mortiferi sugli altri senza esserne sfiorati minimamente. E c’è un insegnare di chi, mettendosi alla scuola dei piccoli, del libro della natura e delle sue lente stagioni, e della parola di Dio sempre sorprendente, brucia dentro di un fuoco inestinguibile e sa portare il fuoco agli altri. Gesù appartiene a questa seconda categoria: per questo la gente è stupita del suo insegnamento, che apre scenari di liberazione e di felicità. È questa la novità che Gesù semina nei cuori delle persone.

“Non lasciarti tentare dai campioni dell’infelicità, della mutria cretina, della serietà ignorante. Sii allegro … T’insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece”, scriveva Pier Paolo Pasolini. Gesù ci insegna a splendere. È questa l’esperienza dell’uomo attanagliato da uno spirito impuro, da chissà quale male fisico o psichico, che di fronte a Gesù grida con tutto se stesso. Gesù accoglie quel grido. Non è il sapiente arrogante che zittisce perché contraddetto, ma il maestro buono che si lascia raggiungere nel profondo dalla miseria dell’altro, e ordina allo spirito impuro di tacere e abbandonare quell’uomo. Lo spirito esce e quell’uomo torna a essere uomo, torna a splendere: “Egli parla ed ecco, avviene; egli comanda ed ecco, si compie” (Sal 33,9). Lasciamoci plasmare dalla parola di Gesù, dalla sua autorità che ci libera. Sì, forse Gesù è venuto proprio a rovinarci, a disfare i nostri piani che sovente nascono dalla paura e si nutrono di rassegnazione, a rovinare la prigione del benessere a tutti i costi che pretendiamo senza l’altro e spesso contro l’altro, per offrirci la possibilità di risorgere dalle nostre miserie e dalle nostre pochezze e splendere di una vita nuova accanto, questa volta, agli altri.

fratel Giandomenico

Fonte

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Gesù insegnava come uno che ha autorità.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 1, 21b-28 In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafarnao,] insegnava. Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi. Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea. Parola del Signore