Monastero di Bose – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2018

83

Oggi una buona notizia ci raggiunge da questa pagina dell’evangelo: a chi si riconosce peccatore bisognoso di misericordia e, di fronte alla visita misericordiosa del Signore, è disponibile alla conversione, Gesù annuncia: “Oggi la salvezza è entrata in questa casa!” (v. 9). Gesù, infatti, è “venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto” (v. 10), e “a chiamare i peccatori alla conversione” (Lc 5,32). Lui è colui del quale il salmo 51,15 dice: “I peccatori ritorneranno a te, o Dio”.

La conversione di Zaccheo non precede, ma segue la visita di Gesù nella sua casa: è la misericordia di Gesù che causa la sua conversione, e non viceversa, e tale conversione, originata e fondata sulla misericordia di Dio, sul perdono dei peccati ricevuto e accolto, farà parte dello stesso annuncio pasquale che Gesù risorto lascerà come compito ai discepoli, quando dirà loro: “Così sta scritto: che il Cristo avrebbe patito e sarebbe risorto dai morti il terzo giorno, e che nel suo nome sarebbe stata predicata la conversione e il perdono dei peccati a tutte le genti, cominciando da Gerusalemme. Voi siete testimoni di questo” (Lc 24,46-48). Non solo la conversione, ma anche il perdono dei peccati, che la suscita e la origina. Non solo il perdono dei peccati, ma anche la conversione, che ne è l’accoglienza sincera e grata nella propria vita.

Del resto, è proprio la parola sulla conversione accolta o rifiutata che è il criterio in base al quale Gesù a sua volta accetta o rifiuta di rivelarsi: il battesimo di Giovanni, il quale predicava “un battesimo di conversione per il perdono dei peccati” (Lc 3,3), “veniva dal cielo o dagli uomini?” (Lc 20,4). È solo se i suoi interlocutori risponderanno a questa domanda, in qualunque senso rispondano, è solo, cioè, se accetteranno di compromettersi, di prendere posizione davanti anzitutto a se stessi, e poi davanti a Gesù e agli uomini, in merito alla parola della conversione predicata da Giovanni Battista che Gesù sarà disposto a rivelarsi, a dire con quale autorità compie le opere che compie. Altrimenti no.

Si possono, infatti, celebrare i profeti, costruire loro monumenti e sepolcri, ma anche rifiutare a propria volta i profeti e gli inviati che il Signore manda (cf. Lc 11,47-51).

Ma l’altro aspetto della buona notizia contenuta in questa pagina dell’evangelo è che la parola del Signore Gesù non solo chiede conversione, ma la rende possibile, ne fa un annuncio e un annuncio di gioia e di vita! Il mutamento, sia della condotta (conversione come epistrofè) sia dell’intimo, del cuore (conversione come metánoia), è reso possibile dalla parola stessa di Gesù, poiché è reso possibile dalla parola del Signore che è portatrice della forza creatrice dello Spirito santo: è la spada con cui lo Spirito santo sconfigge il male che è nei nostri cuori e nelle nostre vite (cf. Ef 6,17).

A ciascuno di noi è rivolta così la parola di Gesù, mediante cui egli ci chiama per nome (cf. v. 5), quale pastore che chiama per nome le sue pecore (cf. Gv 10,2) e che va in cerca di ogni pecora perduta (cf. Lc 15,4-7) e dice: “Affrettandoti, scendi, perché oggi devo dimorare nella tua casa” (v. 5). Poiché ama, il Signore visita. Questa la nostra gioia.

sorella Cecilia

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Lc 19, 1-10
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.
Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2018
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2018